PROGETTI

 

Concorso nazionale di progettazione per la riqualificazione della
Antica Fiera di S. Lucia
Progetto secondo classificato

Luogo: Bologna
Data: 2012
Superficie coperta: mq. 600
Progettazione architettonica: arch. Alberto Antoni, arch. Daniela Pozza

 

Il processo progettuale è iniziato costatando la dicotomia insita nell’Antica Fiera di S. Lucia con la presenza da una parte di forti valenze storiche sia nella manifestazione, sia nel luogo che la ospita, sia nel significato stesso del periodo natalizio e dall’altra parte le esigenze di un evento commerciale contemporaneo che richiede spazi funzionali alla vendita, confortevoli e costruiti secondo i principi della sostenibilità ambientale. 

La proposta progettuale trova così forma in un modello espositivo dall’involucro esterno caratterizzato da tecniche costruttive e materiali tradizionali come il rivestimento di scandole in legno usate spesso nei luoghi più freddi per contrastare gli agenti atmosferici ed un interno luminoso e dal design ricercato con spazi pensati per l’esposizione dei prodotti, meccanismi per rendere più semplice l’utilizzo della bancarella e zone isolate termicamente per proteggere i commercianti dal freddo.

Tutte le bancarelle, con fronti espositivi di lunghezza differente, possono essere realizzate utilizzando 5 differenti moduli base formati ognuno da una parte strutturale composta da quattro telai in legno tamponati con pannelli isolanti, da una copertura in lamiera, da pannelli di rivestimento e da una pedana termicamente isolata staccata da terra tramite dei morali in legno.

I diversi elementi dei moduli, presi singolarmente, oltre ad avere un peso modesto sono facilmente maneggiabili e collegabili tra di loro tramite viti.

In particolare i moduli delle bancarelle che affacciano su Strada Maggiore sono caratterizzati da tetti a falda con diverse inclinazioni, un rivestimento in legno di recupero o di scarto formato appunto da scandole, assicelle o pannelli che viene interrotto a tratti da strette e lunghe finestre in plexiglass dove i commercianti possono esporre e far notare i loro prodotti non solo a chi si trova a percorrere il Portico dei Servi ma anche a chi si trova a passare lungo l’adiacente pista ciclabile o su Strada maggiore o nel portico prospicente.

Il legno di scarto e di recupero, con le sue diverse tonalità naturali che ben si sposano con i colori dei materiali del portico, viene utilizzato inoltre sia per far risaltare le due entrate principali su via Guerrazzi e su via dei Bersaglieri sia per realizzare uno spazio espositivo all’interno del quadriportico.

I varchi di accesso alla fiera vengono evidenziati chiudendo i loro archi con pannelli che riprendono il rivestimento delle bancarelle,  sotto sono appese semplici assi di legno con inciso “Antica Fiera di S.Lucia” ed ai lati del portico telai in ferro a forma di albero contenenti brachiblasti di pini o abeti segnano il passaggio.

Lo spazio racchiuso dal quadriportico diventa occasione di sosta e di aggregazione della comunità con una pista di pattinaggio ed una grande scultura in legno, ferro e plexiglass pensata al suo interno per ospitare esposizioni di disegni e opere sul tema del Natale.